L’AIRTENDER è una sospensione innovativa, la prima in grado di azzerare l’eterno compromesso tra comfort e prestazioni grazie a un sistema idropneumatico brevettato (due brevetti internazionali) da Umbria Kinetics.

L'Airtender si può montare su qualsiasi sospensione, anche a controllo elettronico (come ad esempio l'ESA della BMW), sostituendo l’elemento elastico originale con i componenti dell’Airtender: una molla elicoidale molto più rigida di quella originale (circa il doppio del coefficiente elastico), in grado di enfatizzare le doti ciclistiche di qualsiasi moto nei tratti in cui l'asfalto è privo di asperità, e il sistema idropneumatico, che essendo montato in serie alla molla elicoidale, nei tratti in cui l'asfalto è sconnesso e in presenza di buche, permette di ridurre (anche drasticamente) il coefficiente elastico (K) globale.

Così, ad esempio, se la molla elicoidale “A” ha un K pari a 260 kg/cm e il sistema idropneumatico “B” ha un coefficiente K pari a 180 kg/cm, il K risultante sarà pari a: 260 – 180, ovvero 80 kg/cm. Grazie all'Airtender, quindi, si possono sfruttare i vantaggi di una molla rigida quando la strada è liscia e i vantaggi di una molla morbida sulle buche.

Il risultato è la sospensione giusta al momento giusto indipendentemente dal tipo di fondo, di utilizzo e dalla presenza del passeggero e/o dei bagagli. L'Airtender, infatti, grazie a un regolatore, offre la possibilità di cambiare la taratura dell'elemento idropneumatico, permettendo alla sospensione di lavorare correttamente anche quando si viaggia in coppia e/o con bagagli. Vedi il Video: https://youtu.be/GgJrGya87Hk

IL PROBLEMA

Per decenni i costruttori hanno cercato di modulare il sistema elastico, o attraverso le complesse, pesanti e costose molle ad aria, oppure attraverso più semplici tecnologie applicate agli ammortizzatori, gestiti elettronicamente (sistemi semi attivi). Entrambe le soluzioni, in tutte le loro forme, da quelle più economiche a quelle più costose, non hanno mai risolto il problema. Per questo motivo, fino a oggi, con nessun sistema è stato possibile ottenere l’assetto perfetto, quello in grado di assicurare il massimo dell’aderenza ma anche il massimo del comfort. L'assetto, soprattutto su una moto di serie, è un compromesso, scelto in base alla tipologia di utilizzo e alla fascia di prezzo. Nella pratica, pertanto, anche utilizzando gli strumenti tecnologicamente più evoluti, quando si decide di enfatizzare la guidabilità bisogna necessariamente sacrificare il comfort di marcia e, naturalmente, viceversa.

LA SOLUZIONE

La prima grande innovazione del sistema Airtender consiste nell’eliminazione del concetto di compromesso. Grazie all’Airtender, infatti, è possibile ottenere il massimo del grip senza rinunciare al comfort, innalzando al contempo il livello di sicurezza.

La seconda innovazione riguarda la semplicità con la quale l’Airtender raggiunge questo obiettivo: ingombri ridotti, nessun bisogno di compressori e centraline elettroniche.

La terza grande innovazione dell’Airtender riguarda l’integrazione con gli standard meccanici attualmente disponibili. L’Airtender, infatti, a differenza delle molle ad aria e delle sospensioni semi attive, non necessita di una progettazione “ad hoc” ma può essere installato su qualsiasi tipo di veicolo semplicemente cambiando il supporto dell'accumulatore

La quarta innovazione riguarda lo smorzamento intrinseco che l’Airtender possiede. Tutti gli elementi elastici, infatti, devono essere abbinati ad uno smorzatore (l’ammortizzatore), senza il quale il sistema non può funzionare. L’Airtender, per merito della sua configurazione tecnica, funge da elastico auto-smorzante, caratteristica che enfatizza ulteriormente la versatilità del sistema, che si abbina perfettamente a qualsiasi ammortizzatore, di serie o after market

TRAZIONE, COMFORT, FEELING E SICUREZZA:

UN SISTEMA SUPER ELASTICO

L’Airtender può essere definito un sistema “super elastico” in grado di mantenere la ruota sempre a contatto con il terreno così da rendere le reazioni della moto controllate e prevedibili. Dai numerosissimi test effettuati con diversi collaudatori (anche quelli dei Costruttori moto) è emerso che l’introduzione dell’Airtender, in qualsiasi tipo di ciclistica, incrementa sensibilmente la trazione e il comfort. Infatti, sull’asfalto liscio la molla molto rigida evita gli ondeggiamenti mentre sulle buche la molla morbida evita che l’assetto si destabilizzi e riduce le vibrazioni trasmesse alla schiena del conducente. Nella pratica, il motociclista percepisce un sensibile incremento del feeling. Guidando con il passeggero e/o con i bagagli i vantaggi dell’Airtender, rispetto ai sistemi originali, aumentano ulteriormente in quanto le caratteristiche super elastiche permettono di mantenere il veicolo in assetto enfatizzandone la guidabilità e la sicurezza e consentendo agli ammortizzatori, ai pneumatici e a tutti i sistemi elettronici di funzionare al meglio.

DAL 2017 DISPONIBILE PER TUTTE LE MOTO

L’Airtender si può installare su qualsiasi veicolo e su qualsiasi tipo di sospensione. Per questo, unicamente cambiando il supporto dell’accumulatore e adeguando la taratura del sistema idropneumatico, Airtender può “seguire” il proprietario a ogni cambio di moto. La commercializzazione dell’Airtender inizierà nel 2017.

Hanno Detto:

Questa idea mi ha colpito molto. Mi piace, per la sua semplicità. Sono convinto che potrebbe essere valida anche su una moto da cross.” JAN WITTEVEEN, Motocross magazine

Un’idea geniale che definirei superelastica: semplice ma molto efficace nel miglioramento del comfort e della stabilità della moto.” ENRICO PEZZI, Direttore Tecnico Marzocchi

La nuova frontiera sulla parte elastica.” PAOLO MONTEBELLI, Resp. Tecnico Moto

La taratura della sospensione non dovrà più essere un compromesso tra stabilità, maneggevolezza e comfort” PIERLUIGI MARCONI, ex Dir. Tecnico Benelli

 

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Ultimi Articoli Gare