Il terzo round del Campionato del Mondo di Enduro si è svolto in Spagna nella ben nota località di Santiago de Compostela, incantevole cittadina che ha accolto il circus mondiale con il calore e l’ospitalità tipici del popolo spagnolo.

 

Tre le prove speciali al giro per un totale di 4 giri sia il sabato che la domenica, il venerdì sera la prova speciale in notturna che ha richiamato un folto pubblico offrendo, come al solito, uno spettacolo appassionante per tutti.

Una due giorni che sarà per sempre ricordata negli annali del Team Costa Ligure Beta Boano per diversi motivi: sopra tutti spiccano i due primi posti assoluti nella Enduro GP del nostro Brad Freeman che mette tutti in riga sia il sabato che la domenica conducendo una gara magistrale che ha lasciato veramente poco margine di replica agli avversari. Brad era incontenibile, non ha praticamente commesso sbagli, sempre molto concentrato sull’obiettivo nonostante la gara presentasse diverse insidie anche per le copiose piogge dei giorni precedenti. Con questo ottimo risultato si conferma leader della classe E1 e si porta in testa anche alla EnduroGP con 5 punti di vantaggio su Steve Holcombe.

Brad a fine gara: “ Non so dirvi quanto io sia felice…. Ho lavorato tanto per questo risultato che io e tutto il team abbiamo fortemente cercato. Oggi ero in gran forma e la moto era come al solito perfetta. Dopo la vittoria del mondiale dell’anno scorso, puntavo a fare bene anche nella EnduroGp ed il risultato è arrivato. Grazie a tutti i membri del team che come al solito mi sono stati vicino durante tutta la gara, siamo una grande squadra!!! Ora il proposito è di continuare su questo livello per mantenere la posizione anche se Steve ha soltanto pochi punti di distanza e dovrò impegnarmi molto per stargli davanti….sarà una bella sfida!”

Altro risultato di questa 2 giorni di cui siamo particolarmente orgogliosi è la vittoria di Matteo Pavoni nella classe Youth che la domenica, dopo un sabato sfortunato per un imprevisto tecnico, ha strappato la vittoria all’ultima speciale al connazionale Spanu in una gara al cardiopalma che ha tenuto tutti con i fiato sospeso perché i distacchi erano veramente risicati.

Matteo:” Ancora non ci posso credere! E’ la prima volta che vinco una gara di mondiale e non vi so neanche descrivere tutte le emozioni della giornata! Oggi ho fatto pochi errori e ho trovato il giusto feeling con la moto e con le prove speciali. Il team è stato fondamentale anche oggi: i meccanici, il mio team manager Jarno e il mio uomo ombra, il mitico Chicco Muraglia. Ora, testa bassa e si continua a lavorare per avere ancora risultati di questi livello.”

Buona gara anche per Thomas Marini che chiude 10° nella J2 il sabato e 7° domenica dimostrando che gara dopo gara sta acquisendo la tecnica e la sicurezza che gli consentiranno di raggiungere la top five della sua classe.

Thomas a fine gara: “Sono contento del risultato, soprattutto di quello di domenica. Il passaggio da cross all’enduro non è così scontato e sono in continuo apprendimento. ho ancora tanto da lavorare e da imparare ma ho l’entusiasmo giusto per farlo e sono supportato da un team di professionisti che mi sanno consigliare e indirizzare.”

Ancora assente Lorenzo Macoritto per un infortunio al ginocchio che non gli ha consentito di affrontare la doppia trasferta di Portogallo e Spagna perché troppo impegnativa secondo il giudizio dei medici. Il rientro è previsto per la gara di Assoluti d’Italia di fine mese.

Boano Racing Sport

 

 

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to TwitterInstagram YouTube