La moto ufficiale di Davide Guarneri è gestita dal Team RedMoto diretto dal Campione del Mondo Tullio Pellegrinelli.

La moto ufficiale non si discosta molto dalla versione di serie, ed in particolar modo dal modello CRF 250 RX Enduro Special, che in effetti è una versione speciale, con molti componenti adottati sulle moto che partecipano al Campionato del Mondo di Enduro.

Come già per la versione 450, anche la CRF 250 RX Enduro è una versione di base molto competitiva e quindi la moto di serie non viene stravolta, ma solo affinata.

Il telaio in alluminio è quello della moto di serie, compreso il forcellone, a cui viene irrigidito il supporto per il guida catena, così da essere più affidabile in caso di urti.

I link della sospensione sono realizzati da CSP - Costa Special Parts ed hanno la particolarità di essere realizzati con eccentrici che permettono di variare l’assetto della moto, alzando o abbassando il retrotreno. Nuovi gli attacchi del motore al telaio, realizzati in fibra di carbonio e le piastre della forcella, realizzate da Xtrig.

Le sospensioni sono la parte che più differisce dal modello di serie, infatti sulle moto del Team Honda RedMoto sono adottate le nuove sospensioni Showa ad aria che hanno un minor peso ed offrono la possibilità di variare il setting velocemente, anche tra una prova speciale e l’altra. Non necessita di particolare manutenzione aggiuntiva rispetto alle classiche sospensioni, ma il team, per sicurezza, le controlla dopo ogni gara.

Tutte le plastiche sono originali Honda, mentre il serbatoio è in fibra di carbonio CMT Components. Nuovi il supporto per la pinza del freno posteriore, gli sganci rapidi delle ruote e le slitte per regolare la lunghezza della catena. Poi vengono adottati gli inserti in gomma Vibram sui lati del telaio ed il rivestimento della sella in materiale anti scivolo.

Sotto il motore, viene tolta la protezione di serie ed inserita una molto più estesa e spessa, sempre in materiale plastico.

Da segnalare, poi, il manubrio Magura, la pompa freno e frizione Magura, i nuovi mozzi ed i cerchi DID. Nuove anche le pedane CSP, molto alleggerite per facilitare l’eliminazione del fango.

Il motore rimane quasi identico a quello di serie, eccetto che per il pistone Mahle, che è uno sponsor tecnico del Team e quindi fornisce questo componente. Nuovo anche l’impianto di scarico Termignoni, i radiatori Febur, i tubi dell’impianto di raffreddamento in silicone e la frizione Rekluse. Per il resto il motore rimane quello di serie, molto affidabile e senza bisogno di una assidua manutenzione.

Tre le mappe motore disponibili, personalizzate per il nuovo impianto di scarico.

La moto viene poi terminata con i tappi in ergal XTrig, le protezioni dei carter in carbonio, le varie legature di sicurezza e l’aggiunta di un'ulteriore guida catena vicino al pignone, che impedisce alla catena di scendere tra pignone e carter.

Per il resto, la moto è uguale al modello di serie e vicinissima alla versione Enduro Special.

 

 

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter