masthead

Honda CRF 250 Rally difetti

 honda crf 250 rally 2020

L’Honda CRF 250 Rally è molto apprezzata dal punto di vista estetico ed ha avuto un ottimo riscontro dagli appassionati, che poi non si è tradotto in altrettante vendite.

La cilindrata ridotta è stato il primo problema: i suoi utilizzatori, infatti, ammettono che la potenza non è elevata, certamente sufficiente per fare tutto, ma soprattutto nei trasferimenti stradali si sente la mancanza di potenza, così come nell’uso in coppia. In off road si vorrebbe una rapportatura più corta, in molti hanno aumentato di due denti la corona, altri hanno tolto un dente al pignone. In entrambi i casi, l’indicazione della velocità non è più veritiera ed occorre acquistare un modulo aggiuntivo che permette di effettuare la correzione della velocità indicata.

Per aumentare la potenza del motore c’è chi adotta un nuovo impianto di scarico, una nuova centralina rimappata ed un nuovo filtro aria, ma i risultati rimangono comunque modesti.

Alle alte velocità, 120-130 km/h, le vibrazioni risultano fastidiose per molti.

Sempre in off road, tutti lamentano una scarsa efficacia delle sospensioni, troppo morbide e poco frenate per un utilizzo off road impegnativo.

Altro difetto è la “strana” misura del pneumatico anteriore, che limita la scelta ed impedisce di adottare i copertoni enduro più diffusi.

Sempre tra di difetti, si segnala la difficoltà a reperire in Italia tutta una serie di accessori, protezioni e kit per questo modello, cosa che invece è facile da trovare all’estero. In Italia si supera il problema tramite ebay, amazon e simili.

Tra i difetti, la ridotta abitabilità in coppia e le pedane del passeggero troppo alte ed avanzate.

Una bella moto, anche efficiente ed affidabile, per tutti i veri difetti sono due: la poca potenza del motore e la misura della gomma anteriore.

FacebookTwitter
X

Right Click

No right click