masthead


 

SUZUKI HAYABUSA 2021 opinioni pareri difetti - la terza generazione della Suzuki Hayabusa fà discutere evoluzione o involuzione?

 

 

 

Leggi anche: 

 Novità moto 2022 elenco completo nuove moto e scooter 2022

Novità moto 2021

 

Novità caschi moto 2021 tutti i nuovi caschi moto integrale jet modulare cross 2021

Novità scarichi freni tuning Akrapovic Brembo Nissin Arrow Ohlins Bitubo Mupo SBS moto 2021

Novità pneumatici moto 2021 tutte le novità Continental Pirelli Metzeler Michelin Dunlop Bridgeston Mitas Anlas CST moto 2021

Novità abbigliamento moto 2021 tutte le novità abbigliamento moto tute di pelle giacche guanti stivali pantaloni moto 2021

Moto Suzuki 2021 novità elenco completo

Offerte e Promozioni moto e scooter Suzuki 2021 elenco completo prezzi migliori

 

 Leggi anche:

Nuova Suzuki Hayabusa 2021 presentazione uscita data

Suzuki Hayabusa 2021 foto

Suzuki Hayabusa 2021 video presentazione

Suzuki Hayabusa 2021 prima scheda tecnica

Nuova Suzuki Hayabusa 2021 primo video ufficiale e ultimissime novità

Nuova Suzuki Hayabusa 2021 ultimissimi rumors Euro5 presentazione ipotesi prezzo

Suzuki Hayabusa 2021 nuovi rumors sulla sua uscita

Suzuki Hayabusa 2021 conferma ufficiale

Suzuki Hayabusa 2021 potenza e cilindrata

Suzuki Hayabusa 2021 indiscrezioni

Nuova Suzuki Hayabusa 2021 Rumors

 

La presentazione ufficiale della nuova Suzuki Hayabusa 2021 ha lasciato tutti a bocca aperta, favorevoli e contrari.

Le aspettative erano altre e si era molto "favoleggiato" sulla nuova Hayabusa, colpa anche di Suzuki che mai ha smentito i vari rumors che circolavano, ora sulla cilindrata a 1440cc, ora sulla potenza da oltre 220cv e molto altro.

Come detto da qualcuno "la montagna ha partorito un topolino", una evoluzione della Hayabusa, ben realizzata, curata, ma senza più stupire.

Nel 1999 era la moto più potente e veloce del mondo, ora è solo una moto di grossa cilindrata, potente e veloce, ma anche pesante, grossa, distante dalle hypersportive di oggi.

Certo non si può dire che Suzuki abbia dormito sugli allori ed è anche vero che le moto occorre anche venderle ... Suzuki non ha voluto fare la fine di Kawasaki e della sua H2, bella potente veloce, se ne vedono come mosche bianche, non ha mercato o quasi, un bagno di sangue ed un fallimento commerciale, almeno in Italia.

 

Non sarebbe stato difficile per Suzuki tirare fuori un 1400 da 220 cv, ma a che costo? a che prezzo di listino? in quanti l'avrebbero acquistata?

 

Così, ben sapendo che la Hayabusa ha i suoi estimatori, che attendevano da tempo una nuova versione, ben sapendo che in Europa era "out" per le norme anti inquinamento, Suzuki ha fatto l'unica scelta possibile o quasi, evolvere un prodotto di nicchia, ma senza stravolgerlo, sapendo che i suoi estimatori l'avrebbero apprezzato (sold out le prime 10 versioni speciali), gli altri? Non l'apprezzavano prima, non l'apprezzano ora ...

 

Il nuovo motore è stato completamente rivisto, in ogni particolare, migliorata l'affidabilità (già ottima), ma soprattuto migliorata l'erogazione di coppia e la potenza ai bassi e medi regimi.

I 7 cv in meno agli alti? un mero errore di marketing, questo si.

Perchè tutti o quasi hanno guardato il dito e non la luna, per una moto che non è fatta per fare il tempo in pista.

Ne avesse avuti 201 di cv nessuno si sarebbe lamentato ed è un numero alla portata del motore.

Ma i jap sono fatti così ... volevano fare una sportiva stradale di altissime prestazioni: l'hanno fatta.

La nuova gestione elttronica del motore e dell'impianto frenante è il top oggi in commercio, troppo? Non serviva? Si critica per principio, perchè è chiaro che oggi nessuna moto di alta gamma si vende senza quella dotazione elettronica.

Ottimo anche l'upgrade dell'impianto frenante, ma avremmo preferito una pompa radiale.

Si vedrà nelle prove se va bene uguale.

Il telaio è sostanzialmente immutato, per arrivare a 300km/h con la moto piantata per terra non c'è di meglio.

Anche qui le critiche sono relative, le sportive di oggi hanno altra maneggevolezza, arrivano e superano sempre i 300 km/h, ma la Hayabusa è un treno su un binario a confronto.

E torniamo al discorso di prima, non è una moto da pista, ma una moto stradale velocissima.

In tale ottica va visto anche il pneumatico posteriore da 190/50, il meglio che ci sia per la sicurezza in rettilineo alle altissime velocità.

Sarà un limite in futuro? Non lo sappiamo, al momento no.

Infine, anche le sospensioni tradizionali sono state un ripiego al costo finale della moto.

Sarà un successo commerciale? No, però permetterà a chi ha una Hayabusa con oltre 100mila km di passare ad un nuovo modello, permetterà a chi ha la Hayabusa di passare ad una moto aggiornata nell'elettronica e nella sicurezza.

Rimane un'ottima moto, di ottima qualità e pergiunta proposta ad un prezzo che è anche elevato, ma inferiore a tutte le altre moto di altissima gamma.

 

 

GDPR - Cookies

FacebookTwitter
X

Right Click

No right click