masthead

KTM 300 TPI Problemi

 ktm exc 150 2020

Vediamo i problemi che sostengono avere i possessori della KTM EXC 300 TPI.

In generale la maggioranza dei possessori si dichiara soddisfatta ed apprezza la maggiore regolarità e facilità di guida del motore 2t con l’iniezione elettronica. Sorvolando alcuni aspetti critici riconducibili alla moto, che possiamo riassumere in un’assistenza non sempre all’altezza della moto stessa, una scarsa conoscenza del sistema da parte del meccanico locale, una certa lentezza di KTM nel risolvere alcuni problemi specifici.

In alcuni casi si è rilevato un funzionamento del motore non così regolare come ci si sarebbe aspettati, soprattutto prima dell’entrata in coppia. Questo problema, con una evidente difficoltà nell’avere un transitorio pulito, è apparso soprattutto nei primissimi modelli, mentre nei successivi aggiornamenti non sembra più essersi presentato.

Altro aspetto che diversi hanno messo in evidenza, è la necessità di dover cambiare la pompa dell’olio ad ogni cambio di pistone, secondo molti è un costo eccessivo, sia per la mano d’opera che per il costo del ricambio.

Sempre secondo coloro che hanno percorso molti km con questa moto la miscela è troppo magra, analizzando il consumo del pistone, per molti la quantità d’olio (circa 0.8-1.1%) è troppo bassa per una corretta lubrificazione del motore. Su questo c’è chi afferma di aver risolto acquistando una cetralina aggiuntiva che permette anche di regolare la portata dell’olio a piacimento, altri sostengono di aver agito sulla regolazione manuale della portata della pompa dell’olio; infine una buona parte non avverte il problema.

Altro problema avvertito da alcuni è la necessità di una attenta revisione del pacco lamellare e la sua sostituzione, oltre alla necessità di dover spurgare il circuito della pompa dell’olio, spesso e sovente ogni qual volta si fa manutenzione al motore. Sempre con riferimento allo spurgo dell'aria dalla pompa dell’olio, in molti la ritengono una operazione non semplice da fare, soprattutto offroad, magari dopo che la moto si è cappottata. A margine tutti ritengono un problema l’assenza della ventola di raffreddamento e vi hanno posto rimedio da soli con un kit ventola, in molti con comando manuale al manubrio oltre che con il sensore di temperatura.

Altri problemi non ci sono, nel senso che non si ravvisano con una notevole frequenza o possono ricondursi al normale uso, come la sostituzione dei pacchi frizione, l’usura eccessiva di alcune marce del cambio ed inconvenienti all’impianto elettrico. Mai problemi generalizzati.

Alla fine sono tutti soddisfatti, il sistema è efficace, ma c’è una complessità non indifferente; per molti era meglio prima o passare al 4t, pur ammettendo che così il 300 2t ha una potenza elevata e perfettamente gestibile.

FacebookTwitter
X

Right Click

No right click