newsmotociclismo


  • Il pilota Rockstar Energy Husqvarna Factory Racing Zach Osborne ha dato una svolta alle sue prestazioni, conquistando il suo miglior risultato in carriera nella classe 450SX con il sesto posto al round 10 del Campionato del mondo AMA Supercross 2019, corso al Daytona International Speedway.

    450SX

    Famoso per la sua condotta di gara inarrestabile e la mentalità mai doma, Osborne ha corso benissimo sul difficile fondo sabbioso di Daytona. Dopo aver conquistato una posizione di qualifica nella top 10, Zach si è lanciato nella top 5 allo start della sua manche di qualificazione 450SX. Mentre stava preparando il sorpasso per la quarta piazza, la sua ruota anteriore è sprofondata nella sabbia profonda facendolo cadere. Nonostante questo problema, Osborne è riuscito ad assicurarsi il passaggio diretto in finale chiudendo nella top 5. Nella finale Zach è partito sesto e si è poi assestato in settima piazza nelle prime fasi di gara. È quindi riuscito a salire sesto, lanciando quindi negli ultimi secondi l’attacco per la top 5. Nonostante abbia poi chiuso sesto, la sua prestazione nell’ultima fase di gara è stata ottima.

    Quest’anno Daytona è andata bene,” ha detto Osborne. "Il sesto posto è il mio miglior piazzamento finora. Ho fatto segnare dei buoni tempi in qualifica, e sto iniziando a trovare il mio passo in questa classe: guido più fluido e so quando è il momento di fare cosa. A partire da qui posso sicuramente costruire e fare progressi. È stato un inizio di stagione molto difficile per via dell’infortunio quest’inverno, e chiaramente ritrovare la condizione mentre cercavo di ambientarmi in una nuova classe è stato complicato; ma sono ancora qui, non ho mollato e so che il lavoro che mi sto sobbarcando pagherà presto: e sarà ancora più bello.”

    Per Dean Wilson, Daytona è partita benissimo con la terza piazza nella sua manche di qualificazione, colta dopo essere partito terzo e aver conservato la posizione fino al traguardo. In finale Wilson ha lanciato la sua FC 450 in sesta posizione al cancelletto, ma a causa della scarsa visibilità nella sabbia è finito contro una balla di paglia, cadendo già all’inizio del primo giro. Dean ha così dovuto rimettersi all’inseguimento partendo dall’ultima posizione. A metà gara era risalito fino all’undicesima piazza, e ha continuato a lottare facendosi largo tra i doppiati con una dura battaglia. “Il weekend è stato okay,” ha detto Wilson.

    Credo di aver guidato veramente bene nella manche di qualificazione," ha detto Wilson. "In finale mi sembrava di aver fatto una gran partenza, ma poi mi sono trovato in un gruppo di piloti nella sezione più sabbiosa, non vedevo niente e sono finito dritto contro una balla di paglia. Dopo la caduta ero ultimissimo, e sono riuscito a risalire fino a undicesimo. Come risultato è ovviamente deludente, ma ora guardiamo alla prossima gara.”

    250SX

    Il pilota Rockstar Energy Husqvarna Factory Racing nella 250SX East, Jordan Bailey, ha iniziato benissimo la serata, lanciando la sua FC 250 al comando delle prime fasi della manche di qualificazione. Bailey ha conservato il comando per tutto il primo giro, poi è passato secondo restando alle calcagna del leader di gara fino al traguardo e qualificandosi direttamente per la finale. Qui Bailey è partito discretamente, ma si è agganciato con un altro pilota al primo giro ed è stato costretto a iniziare la sua gara dalle retrovie. Jordan ha concluso il primo giro ventunesimo, risalendo fino a undicesimo a un soffio dalla top 10 davanti al suo pubblico di casa in Florida.

    La manche di qualificazione è stata straordinaria!” ha detto Bailey. “Sono partito bene, poi un paio di ragazzi davanti hanno commesso errori e sono passato in testa. Ho guidato per un giro, poi sono riuscito a chiudere secondo davanti al mio pubblico, una sensazione bellissima. In finale sono partito discretamente, ma sono rimasto agganciato con un altro pilota cadendo al primo giro. Sono ripartito riuscendo a salvare l’undicesima piazza. Nel complesso abbiamo fatto un bel passo nella direzione giusta, a ogni gara sono più veloce e non vedo l’ora di correre a Indianapolis.”

    Il pilota Rockstar Energy Husqvarna Factory Racing Thomas Covington è tornato in gara dopo aver saltato le ultime tre tappe per un infortunio al ginocchio. Nella sua manche di qualificazione 250SX, Covington è partito appena fuori dalla top 10 per poi rimontare chiudendo sesto. In finale Thomas non ha realizzato una buona partenza, chiudendo il primo giro attorno alla ventesima posizione. Ha poi risalito il gruppo arrivando in quattordicesima piazza attorno al quinto giro, raggiungendo quindi il suo compagno di squadra Bailey verso la metà gara. Ha poi corso attorno alla quindicesima piazza per il resto del tempo, arrivando al traguardo quindicesimo.

    Questo weekend è stato un passo nella giusta direzione,” ha detto Covington. “Ho fatto una buona manche di qualificazione trovando un ritmo discreto. Poi in finale ho sbagliato la partenza e sono quasi caduto nella sabbia alla curva due, perdendo un sacco di posizioni. Nel complesso è stato un altro weekend di progressi dopo l’infortunio al ginocchio.”

    Prossima gara: 16 marzo, Indianapolis SX al Lucas Oil Stadium di Indianapolis, nell’Indiana.

    Risultati, Daytona SX

    450SX

    1. Eli Tomac

    2. Cooper Webb

    3. Marvin Musquin

    6. Zach Osborne - Rockstar Energy Husqvarna Factory Racing

    11. Dean Wilson – Rockstar Energy Husqvarna Factory Racing

    250SX East

    1. Austin Forkner

    2. Chase Sexton

    3. Justin Cooper

    ...

    11. Jordan Bailey – Rockstar Energy Husqvarna Factory Racing

    ...

    15. Thomas Covington - Rockstar Energy Husqvarna Factory Racing

    Classifica di campionato 450SX

    1. Cooper Webb – 222 punti

    2. Eli Tomac – 203 punti

    3. Marvin Musquin – 203 punti

    6. Dean Wilson – Rockstar Energy Husqvarna Factory Racing – 149 punti

    Classifica di campionato 250SX East

    1. Austin Forkner – 125 punti

    2. Justin Cooper – 102 punti

    3. Chase Sexton – 102 punti

    ...

    11. Jordan Bailey – Rockstar Energy Husqvarna Factory Racing – 51 punti

    ...

    17. Thomas Covington – Rockstar Energy Husqvarna Factory Racing – 20 punti


  • Il team Rockstar Energy Husqvarna Factory Racing è arrivato al Lucas Oil Stadium di Indianapolis per correre il Round 11 del campionato mondiale AMA Supercross 2019. Zach Osborne ha illustrato gli sforzi del team col suo settimo posto nella classe regina, la 450SX, mentre il compagno di team Dean Wilson ha concluso appena dietro, nono.

    450SX

    Nella sua manche di qualificazione 450SX, Osborne ha portato la FC 450 nelle posizioni di testa allo start e ha subito ingaggiato battaglia con i primi. Ha lottato nella top 5 per poi assestarsi in ottava posizione e qualificarsi per la finale. Quando il cancelletto della finale è caduto, Osborne si è lanciato in settima posizione. Ha mantenuto un passo costante per tutta la gara, conservando la settima piazza anche in mezzo ai doppiati e assicurandosi un solido risultato finale a Indianapolis.

    In finale partivo con un cancelletto davvero pessimo, ma sono scattato molto bene e mi sono messo in una buona posizione, che poi ho conservato,” ha detto Osborne. “Ho commesso qualche errore, ma devo prendere il lato positivo: ho raddrizzato una giornata partita male. Ora andiamo avanti.”

    È stata una buona serata anche per Dean Wilson, che si è qualificato sesto ed è poi riuscito a cogliere la sua prima vittoria stagionale in qualificazione, in un folto gruppo di top rider della 450SX. In finale Wilson non è partito benissimo, dovendo lottare da fuori la top 12. Quando è infine riuscito a uscire dalla mischia, si è lanciato in recupero arrivando alla nona posizione. Dean ha anche sferrato un assalto dell’ultimo secondo, disinnescato però dai numerosi doppiati, dovendo infine accontentarsi del nono posto.

    La manche di qualificazione è andata benissimo!” ha detto Wilson. “C’erano tutti i migliori, per cui sono contento di aver vinto. È stato importante psicologicamente per me sapere che posso ancora stare là davanti. In finale non sono partito bene, ma sono riuscito a farmi largo e a chiudere nono. Direi che è sicuramente un progresso; so che una buona partenza fa la differenza, perché ti tiene fuori dalla mischia, e lavorerò su questo aspetto.”

    250SX East

    Il pilota Rockstar Energy Husqvarna Factory Racing Jordan Bailey ha iniziato alla grande la giornata, qualificandosi ottavo nella classe 250SX East. Nella sua manche di qualificazione, Bailey ha lanciato la sua FC 250 in ottava posizione allo start, e si è poi prodotto in un attacco finale nelle ultime fasi di gara, assicurandosi con la sesta piazza il passaggio in finale. Qui Jordan ha lasciato il cancelletto in nona posizione, lottando attorno alla decima piazza per la maggior parte della gara. Ha continuato a spingere in mezzo ai doppiati fino al traguardo, cogliendo una top 10 finale.

    Penso di non aver guidato al massimo del mio potenziale stasera,” ha detto Bailey. “Ma nel complesso continuiamo a fare progressi, e sarò pronto per Nashville.”

    Nella sua manche di qualificazione 250SX, l’altro pilota Rockstar Energy Husqvarna Factory Racing Thomas Covington non è partito bene, chiudendo il primo giro in quindicesima piazza. È poi risalito fino alla dodicesima, mancando la qualificazione diretta per sole tre posizioni. Thomas ha dovuto così schierarsi nel Last Chance Qualifier (LCQ), dove è partito secondo, ma un errore nel corso del primo giro lo ha poi fatto retrocedere di alcune posizioni. Covington ha dato tutto nel resto della gara ma purtroppo non è riuscito a qualificarsi per la finale 250SX.

    Prossima gara: 23 marzo, Seattle SX al CenturyLink Field di Seattle, Washington.

    Risultati, Indianapolis SX

    450SX

    1. Marvin Musquin

    2. Blake Baggett

    3. Cooper Webb

    7. Zach Osborne - Rockstar Energy Husqvarna Factory Racing

    9. Dean Wilson – Rockstar Energy Husqvarna Factory Racing

    250SX East

    1. Austin Forkner

    2. Chase Sexton

    3. Justin Cooper

    ...

    10. Jordan Bailey – Rockstar Energy Husqvarna Factory Racing

    Classifica di campionato 450SX

    1. Cooper Webb – 243 punti

    2. Marvin Musquin – 229 punti

    3. Eli Tomac – 222 punti

    6. Dean Wilson – Rockstar Energy Husqvarna Factory Racing – 163 punti

    19. Zach Osborne – Rockstar Energy Husqvarna Factory Racing – 48 punti

    Classifica di campionato 250SX East

    1. Austin Forkner – 151 punti

    2. Chase Sexton – 125 punti

    3. Justin Cooper – 123 punti

    ...

    11. Jordan Bailey – Rockstar Energy Husqvarna Factory Racing – 64 punti

    18. Thomas Covington – Rockstar Energy Husqvarna Factory Racing – 20 punti

  • 26 piloti hanno dato spettacolo presso il Crossodromo Santa Rita di Cinigiano per il 1°appuntamento stagionale con l’Endurance Quad FMI in un tracciato di 3.700 metri dove i colpi di scena non sono certo mancati.

    Le prove cronometrate hanno dato subito ragione alla coppia Patrick Turrini e Michele Marco Monti che hanno replicato la medesima prestazione vincente durante le 2 ore cronometrate più 1 giro con una partenza al fulmicotone da parte di Patrick Turrini che sin dai primi giri ha cercato di guadagnare terreno nei confronti degli avversari con Paolo Galizzi ad agganciarsi subito alle ruote del Sanremese mentre Michele Marco Monti ha tagliato il traguardo e incassato il risultato tra gli applausi del pubblico.

    Presente alla gara toscana anche il pluricampione Andrea Cesari Junior in coppia con Sergio Gilli che ha visto sfumare la sua performance per aver fatto rifornimento all’interno del tracciato poiché rimasto senza benzina. Nonostante tutto è stato avvincente vedere Andrea Cesari duellare prima con Paolo Galizzi per poi attaccare Patrick Turrini.

    L’Assoluta di giornata ha visto il podio composto oltre che dalla coppia Turrini-Monti dall’argento Paolo Galizzi in combinata con il padre Alessandro Galizzi (altra bellissima immagine questa che ci ha restituito il campionato Endurance Quad) ed infine dal bronzo conquistato dalla coppia Samuele Cabassi ed Elia Domenichini. Medesima sorte per la categoria a Marce a Coppia con il ripetersi del podio precedente e con la 4 ^ posizione della coppia Mario Cinotti-Umberto Caronna e 5^ posizione dei due “tori” Nicola Montalbini e il sempre più performante Massimiliano Moro.

    Nella Categoria Marathon a distinguersi su tutti è stato Eddy Ghizzo in sella al suo suzuki fresco vincitore del titolo italiano Supermare Quadcross 2019, seguito da una incredibile Carla Gamboni che ha dato del filo da torcere a tanti competitors mentre il podio si completava con Claudio Marefetti.; la 4^ posizione è stata di proprietà di Davide Gigli .

    Tutta in rosa la categoria JF250 con la new entry di Lisa Turrini, per la 1^ volta su quad al Campionato Italiano FMI in abbinata alla ormai conclamata Alice Barbetta entrambe con Aeon. Aldo Lami e Marco Giusti sono ritornati ad essere i protagonisti nella categoria Monomarcia a Coppie lasciando il secondo e terzo gradino del podio alla coppia Savone-Mori e Incerti-Palermo.

    Il prossimo appuntamento con l’endurance Quad sarà a Polcanto (FI) il 27 Ottobre.

    Ufficio Stampa

     

  • Campionato Italiano Enduro moto 2019 foto gallery


  • Prenderà il via da Grazzano Visconti, in provincia di Piacenza, l'edizione 2019 del Campionato italiano FMI Gruppo 5 dedicato alla Regolarità d'Epoca.

    Sette le gare della stagione con un doppio appuntamento che quest'anno si correrà a Corleone, in provincia di Palermo, in Sicilia.

    Le altre gare saranno appunto il 30 e 31 marzo a Grazzano Visconti, con l'organizzazione del Moto Club Vigolzone, affiancato da Enduro Republic, il 14 aprile a Vesime (Asti) con il Moto Club Acqui Terme, il 28 maggio a Pasturo (Lc) con il Moto Club Grigna Valsassina, a Corleone il 18 e 19 maggio con il Moto Club Regolarità 70, a Val Fornace nelle Marche il 30 giugno con il MC Amatori Sibillini e infine in Toscana, con la AMC Garfagnana che accoglierà le finalissime del Campionato il 22 settembre a Piazza al Serchio (Lu).

    Il calendario è intenso ed interessante e la prima prova di Grazzano Visconti avrà validità anche per il Campionato Europeo che si svolgerà in questo 2019 su un totale di tre gare anche se potrebbe inserirsi un quarto appuntamento nel calendario.

    I piloti che hanno richiesto il numero di gara per questa stagione sono davvero tantissimi: un numero record che ha fatto superare le 530 richieste e alla gara di Grazzano si sta già registrando il tutto esaurito. Una bella soddisfazione per gli organizzatori che hanno messo in piedi una gara di altissimo livello che entrerà nel vivo già nel pomeriggio di sabato 30 marzo con una suggestiva prova di accelerazione a ridosso del centro dello splendido paesino medievale.

    Quest'anno le due tradizionali prove speciali assumeranno una nuova denominazione: Labeca Cross Test sarà infatti il nome ufficiale della prova speciale fettucciata in ogni gara 2019 grazie alla partnership con l'azienda produttrice di Prosecco di Angelo Bisol di Guia di Valdobbiadene (Tv). Grazie al loro interessamento verranno introdotti nuovi premi nell'ambito della gara come

    per esempio, quello riservato al pilota in assoluto più veloce della giornata sul fettucciato. La prova in linea invece si trasformerà in MxLine Enduro Test e in questo caso è la nota azienda di abbigliamento sportivo che ha scelto di affiancare il Gruppo 5. Entrambe le Aziende sono entrate a far parte del paddock della Regolarità d'Epoca e sarà possibile usufruire dei loro prodotti nel corso della gara con un interessante sconto nel caso dell'abbigliamento MxLine.

    Si anima dunque, il paddock e soprattutto la zona riservata alle operazioni preliminari del Gruppo 5 che aprirà i battenti come sempre nel primo pomeriggio di sabato pomeriggio ad eccezione della prova di due giorni e del primo appuntamento di Grazzano. In quel caso infatti il paddock aprirà venerdì 29 marzo alle 19 mentre le operazioni di verifica saranno accessibili già dalla mattinata con orario compreso dalle 9 alle 16 ora in cui il Track Inspector Stefano Passeri terrà il suo primo briefing della stagione 2019.

     


  • A poco meno di un mese dall’inizio del Campionato Italiano Velocità il Barni Racing Team è sceso in pista ieri, martedì 5 marzo, sul circuito di Misano Adriatico, per una giornata di test. La nuova coppia di piloti formata da Michele Pirro e Alex Bernardi ha portato in pista la nuova Ducati Panigale V4 R in versione CIV. Il campione italiano Superbike in carica e il nuovo arrivato in casa Barni, agevolati da un clima soleggiato, hanno potuto prendere confidenza con un mezzo completamente nuovo e hanno potuto testare numerosi componenti.

    In particolare Bernardi - all’esordio assoluto con una Ducati - ha lavorato per trovare la migliore posizione in sella e adattare il proprio stile di guida, oltre che su alcune soluzioni di setup.

    Pirro, invece, ha fatto valere la sua esperienza di collaudatore nell’analisi dei dati per fornire informazioni utili allo sviluppo della Ducati Panigale V4 R.

    Marco Barnabò, Team Principal

    Questa è stata solo la prima uscita con Michele e Alex e visto che il debutto è dietro l’angolo abbiamo dovuto lavorare con una tabella di marcia molto serrata. La moto ha grande potenziale, ma il suo sviluppo è solo alle prime fasi e, al contrario di quello che si può pensare, non partiremo avvantaggiati nella prima gara. Siamo consapevoli che, tra poco più di venti giorni, a Misano, ci aspetta un weekend molto duro.

    Michele Pirro, #51

    «È stato un test molto importante perché per la prima volta abbiamo portato in pista la moto con cui affronteremo il CIV. Anche se abbiamo fatto pochi giri è stato importante fare i primi chilometri per capire il potenziale di questa Ducati Panigale V4 R. Il lavoro da fare è tanto, soprattutto venendo da una moto, la Panigale V2, che aveva tanti anni di sviluppo alle spalle, ma la base di partenza è buona. Un ringraziamento particolare ai ragazzi che hanno fatto un ottimo lavoro nonostante il poco tempo a disposizione.».

    Alex Bernardi, #81

    «Per quanto mi riguarda è stato un test molto positivo. Ho trovato subito un buon feeling con la Panigale V4 R e con i meccanici del Barni Racing Team. Certamente dovrò adattare il mio stile di guida alla nuova moto, che è totalmente diversa da quelle che ho guidato fino ad ora. Le due cadute non mi preoccupano perché sono dovute alla ricerca del limite, purtroppo però a causa di questo non sono riuscito ad effettuare il long run».

    Calendario Elf CIV 2019

    Round 1 - Misano World Circuit – 30/31 marzo

    Round 2 - Autodromo Internazionale del Mugello – 27/28 aprile

    Round 3 - Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola – 29/30 giugno

    Round 4 - Misano World Circuit – 27/28 luglio

    Round 5 - Autodromo Internazionale del Mugello – 21/22 settembre

    Round 6 - Autodromo di Vallelunga – 5/6 ottobre

     


  • Pirelli e Kyle Wyman si sono aggiudicati la 78a edizione della famosa Daytona 200 che si corre ogni anno in Florida, a Daytona Beach, presso il Daytona International Speedway.

    Nel corso del fine settimana appena terminato, il 29enne pilota statunitense ha portato sul gradino più alto del podio, nella più iconica competizione endurance americana, la Yamaha YZF-R6 del team N2 Track Days/BobbleHeadMoto/KWR Yamaha, equipaggiata con pneumatici slick Pirelli DIABLO™ Superbike.

    A causa di un incidente nel corso del 53° giro con conseguente bandiera rossa, la gara di endurance da 200 miglia (322 chilometri) si è trasformata in una gara sparo da quattro giri. Kyle Wyman si è dimostrato inarrestabile sulla sua Yamaha equipaggiata con gomme Pirelli DIABLO™ Superbike e un sorpasso dalla chicane al 57° giro gli ha permesso di prendere la testa della corsa e di andare così a tagliare il traguardo per primo sotto la bandiera a scacchi.

    Al termine della corsa Kyle Wyman ha dichiarato: "Che incredibile modo di finire e vincere la Daytona 200. Le slick Pirelli DIABLO™ Superbike sono state estremamente prevedibili per me nel corso del fine settimana e questo mi ha dato la sicurezza di cui avevo bisogno. Con il feeling che avevo, sapevo che avrei potuto costantemente girare in tempi bassi per tutta la gara".

    Tutti i piloti Pirelli che hanno partecipato quest’anno alla Daytona 200 hanno utilizzato le stesse soluzioni scelte da Wyman per equipaggiare la sua Yamaha YZF-R6, ovvero pneumatici slick DIABLO™ Superbike in misura 120/70 e mescola SC1 di gamma all’anteriore e in misura 200/ 60 e mescola di sviluppo “Daytona” posteriore. Kyle Wyman ha utilizzato le stesse soluzioni nelle qualifiche ed in gara.

    La Daytona 200 si è corsa la prima volta nel 1937 e da allora si è svolta ogni anno fatta eccezione per gli anni compresi tra il 1942 e il 1946 a causa della Seconda Guerra Mondiale.

    Le prime edizioni si sono svolte sul tracciato di 3,2 miglia (5,1 km) del Daytona Beach Road Course per poi spostarsi nel 1961 sul circuito di 2 miglia (3,2 km) del Daytona International Speedway.

    In passato Campioni del Mondo e piloti leggendari come Giacomo Agostini, Kenny Roberts, Wayne Rainey, Kevin Schwantz, Freddie Spencer, Eddie Lawson e Scott Russell hanno vinto la Daytona 200.

    Dal 1985 la gara si disputa con moto della categoria Superbike, attirando anche i migliori piloti europei: nel 2002 a vincerla fu il compianto Nicky Hayden mentre nel 2008 fu dichiarato vincitore Chaz Davies, attuale portabandiera Ducati nel Campionato Mondiale FIM Superbike.

    Pirelli Communications Department

     

  • Poco più di una settimana al via dell’ELF CIV 2019. La nuova stagione partirà il 30 e 31 marzo dal Misano World Circuit e nell’attesa di accendere i motori ecco le entry list del Campionato in tutte le classi, con un totale di circa 140 piloti iscritti fino ad oggi.

    Moto3 – La categoria dei giovani talenti si presenterà al via con la novità di alcuni team Mondiali: Lo SKY JUNIOR TEAM VR46#RMU seguito da TEAM LEOPARD JUNIOR ITALIA, ANGEL NIETO-TEAM MTR e dal Team targato TM e Davide Giugliano (RGR TM RACING FACTORY TEAM). Con la conferma di importanti squadre come lo JUNIOR TEAM TOTAL GRESINI. Tanti i nomi dei giovani pronti a contendersi il titolo di Kevin Zannoni in quella classe da dove sono passati molti giovani oggi al mondiale (Bezzecchi, Di Giannantonio, Vietti Ramus, Foggia solo per citare gli ultimi).

     

    SBK – Sarà ancora Michele Pirro sulla Ducati del Barni Racing Team il favorito della vigilia, mentre non mancherà Lorenzo Zanetti (Ducati Broncos Racing Team) per provare a contendere il titolo al pugliese. Tanti i nomi di piloti pronti ad inserirsi nella lotta per le posizioni di vertice, supportati da Team di tutto rispetto e dalla presenza delle maggiori case: Aprilia, BMW, Ducati, Suzuki e Yamaha.

     

    SS600 – Una delle categorie più combattute dell’ELF CIV ripartirà dal Campione in carica, Massimo Roccoli (Yamaha Rosso Corsa) e dai tanti sfidanti dello scorso anno che saranno in pista all’ELF CIV 2019. Tutto per una SS600 che diventa sempre più internazionale, con piloti di varie nazionalità, compresi i giapponesi Akito e Ryota Haga, figli di Noriyuki, al via dell’italiano con le Yamaha del MOTOZOO RACING.

    Premoto3 – La categoria dei giovanissimi, che da quest’anno sarà unica (non più divisa in 125 2T e 250 4T) con l’introduzione di un monomotore 250 stock di derivazione crossistica fornito grazie all’accordo con Yamaha. Motore che avrà costi bassi di gestione e acquisto. Tanti gli esordienti provenienti dal CIV Junior, pronti a dare il massimo su piste da Mondiale, così come tanti sono i team di livello a cominciare dal SIC58 Squadra corse Junior Team, che sarà in pista in collaborazione con RXP Race For Passion.

     

    SS300 – Griglie piene, con oltre 30 piloti, in quella che è la categoria più combattuta del Campionato. La stessa che ha consegnato il Campione 2018, Manuel Bastianelli al mondiale e che anche in questa nuova stagione vedrà tanti giovani piloti darsi battaglia fino alla fine per la conquista del titolo.

     


  • Andrea Tucci, 22anni, milanese, ha firmato un accordo con il WRS GSM RACING TEAM di Andrea Grillini impegnato nella stagione 2018/19 del Campionato Mondiale Endurance.

    Tucci si unisce ai fratelli Christian e Federico Napoli andando a completare il gruppo dei tre piloti a disposizione del team per il prossimo appuntamento del campionato EWC a Le Mans in programma a metà aprile e per tutti gli eventi previsti da calendario fino alla 8 ore di Suzuka a luglio in Giappone.

    Tucci, che va quindi a sostituire Stefano Fugardi, è stato campione italiano Stock 600, si è classificato terzo nel Campionato Europeo della stessa categoria e arriva da un’esperienza nel Mondiale Superbike in Stock 1000. “Con l’arrivo di Andrea Tucci abbiamo rafforzato ulteriormente il Team e il suo inserimento è stato accolto a braccia aperte dai fratelli Napoli che ne apprezzano le qualità e la velocità in pista “ dichiara Andrea Grillini “Per lui, come per noi, è la prima esperienza in un campionato impegnativo e particolare come il Mondiale Endurance, e non vediamo l’ora di incominciare”.

    "Sono molto gasato all'idea di prendere parte al campionato del mondo EWC “replica Andrea Tucci “e soprattutto di aver firmato con il Team WRS GSM, squadra di grande esperienza nelle competizioni mondiali. E' la mia prima volta in sella alla nuova Suzuki GSX1000 e soprattutto in un campionato di durata e sono entusiasta all'idea di confrontarmi con degli avversari di prestigio nel mondo del motociclismo e di prendere parte a alla 24 h di Le mans e alla 8h di Suzuka che sono due tra le gare più conosciute nel motociclismo. Da quando abbiamo deciso di affrontare questa nuova sfida, ho intensificato i miei allenamenti e sono pronto per la mia prima gara in Francia!"

    Appuntamento quindi a Le Mans il 20 – 21 Aprile.

    Grillini Sport Management SARL


  • Il Team Honda Endurance Racing è stato in azione questa settimana (5-6 marzo), durante un test privato sul leggendario circuito Bugatti, a Le Mans in Francia, in preparazione per la 24 Heures Motos del prossimo 20-21 aprile.

    Randy de Puniet si è unito al Team per la prima volta durante i due giorni di test, e si è divertito a mettere alla prova la Honda CBR1000RR Fireblade SP2 sui 4.185 km del circuito.

    Combattendo con condizioni meteorologiche intermittenti, de Puniet insieme ai suoi compagni di squadra Sébastien Gimbert e Yonny Hernandez, ha lavorato per ottimizzare l'assetto della Fireblade. Contento dei progressi compiuti nei due giorni, il Team ha sviluppato aggiornamenti per le sospensioni, l'elettronica e il lavoro con Dunlop su nuove mescole di pneumatici.

    Con i dati raccolti questa settimana il Team tornerà nella sua base nel Regno Unito e si preparerà per il test pre-Le Mans il 2-3 aprile, mentre tutte le squadre effettueranno il conto alla rovescia per il secondo round del Campionato Mondiale Endurance FIM il 20 aprile.

    Calendario Campionato Mondiale FIM Endurance:

    2. 20-21 aprile 2019 - 24 Heures Motos

    3. 11 maggio - Anello 8 ore della Slovacchia

    4. 9 giugno - Oschersleben 8 ore

    5. 28 luglio - Suzuka 8 ore


  • Con la prima prova di Italiano del week end scorso, é partita la stagione 2019 per il Team Sherco CH Racing! 2019 che per noi è anche il 30simo anno di partecipazione ininterrotta al mondiale enduro, ovvero dalla sua nascita, unico Team ad aver raggiunto questo traguardo ! Oltre al traguardo di essere invecchiati di brutto!

    Tutto nuovo o quasi, col debutto tra i "grandi" del campione mondiale junior Matteo Cavallo, e che debutto!!! Day one, primo di classe, 4° assoluto e primo degli italiani!!! Quasi impossibile fare meglio, anzi, senza la prima linea annullata per "casini" di tempi...... conti alla mano poteva ancora andare meglio.... pazienza.

    Domenica la troppa foga ed una partenza un po' rallenty, hanno permesso a Matteo di fare comunque una bella gara, ma non come quella di sabato. Pur sempre un buon risultato, calcolando il rodaggio di tutti.

    Ottima prova per il francese Theo Espinasse, che si è misurato ed ha vinto il confronto diretto con i rivali del mondiale Junior...... per cui più che soddisfatti!!

    Supercontenti delle moto, hanno solo consumato gomme e benzina, nessun sussulto.

    Fra tre settimane il mondiale in Germania, con tutti i nostri "ragazzotti" presenti. Per il 2019, in accordo con Sherco, abbiamo attuato una politica di "giovani", con l'intento di costruirci in casa i campioni di domani.

    Ci vediamo a Dahlen.

    Fabrizio Azzalin

    Team Manager

    Photo Credits: Dario Agrati

     


  • Con la prima prova di Italiano del week end scorso, é partita la stagione 2019 per il Team Sherco CH Racing! 2019 che per noi è anche il 30simo anno di partecipazione ininterrotta al mondiale enduro, ovvero dalla sua nascita, unico Team ad aver raggiunto questo traguardo ! Oltre al traguardo di essere invecchiati di brutto!

    Tutto nuovo o quasi, col debutto tra i "grandi" del campione mondiale junior Matteo Cavallo, e che debutto!!! Day one, primo di classe, 4° assoluto e primo degli italiani!!! Quasi impossibile fare meglio, anzi, senza la prima linea annullata per "casini" di tempi...... conti alla mano poteva ancora andare meglio.... pazienza.

    Domenica la troppa foga ed una partenza un po' rallenty, hanno permesso a Matteo di fare comunque una bella gara, ma non come quella di sabato. Pur sempre un buon risultato, calcolando il rodaggio di tutti.

    Ottima prova per il francese Theo Espinasse, che si è misurato ed ha vinto il confronto diretto con i rivali del mondiale Junior...... per cui più che soddisfatti!!

    Supercontenti delle moto, hanno solo consumato gomme e benzina, nessun sussulto.

    Fra tre settimane il mondiale in Germania, con tutti i nostri "ragazzotti" presenti. Per il 2019, in accordo con Sherco, abbiamo attuato una politica di "giovani", con l'intento di costruirci in casa i campioni di domani.

    Ci vediamo a Dahlen.

    Fabrizio Azzalin

    Team Manager

    Photo Credits: Dario Agrati

     

  • Dopo il grave incidente subito, Mathias BELLINO torna nella stagione 2019 come Team Manager del Team Honda ORC con Alexis BEAUD(Junior2) e Antoine CRIQ(Junior1).

    Mathias BELLINO: "Dopo il mio incidente ero desideroso di continuare la mia carriera nel World Enduro - un posto dove ho costruito la mia vita. Quando Yves RODES mi ha offerto il lavoro di Team Manager non ho esitato ad accettare, e ora abbiamo dei piloti che penso abbiano un potenziale reale e ho intenzione di aiutarli a evolversi e crescere nel corso delle gare. Ovviamente avremo l'umiltà di non puntare troppo in alto in un campionato dove la maggior parte delle squadre sono già avanti, Alexis e Antoine dovranno abituarsi al ritmo del Campionato del Mondo, ma speriamo di vederli nella Top 5 delle loro categorie, che sarebbe un ottimo punto di partenza quest'anno. Mi piacerebbe ringraziare tutti i partner del team per il loro coinvolgimento e aiuto, la loro presenza è una vera risorsa in questa sfida che rappresenta la mia nuova vita, e per questo sono molto grato a loro, faremo del nostro meglio per renderli orgogliosi ".

    Photo Credits: Julian Suau


  • Una stagione che si prospetta ricca di emozioni.

    Sabato 2 e domenica 3 marzo ha ufficialmente preso il via la stagione 2019 dell’enduro tricolore con una due giorni tutta da incorniciare. Teatro della prova di apertura è stata la cittadina di Gioia dei Marsi (AQ), sugli Appennini del centro Italia, al confine tra l’Abruzzo e il Lazio.

    Arrivato a questa prova con i migliori presupposti e con la consapevolezza di poter essere tra i grandi protagonisti, Honda Racing RedMoto World Enduro Team ha vissuto due intense giornate di gara raccogliendo importanti risultati.

    Nella classe 250 4T straordinaria prova di Thomas Oldrati: dopo aver concluso la prima giornata di gara in seconda posizione ad un passo da Cavallo per qualche errore nel Cross test, domenica ha fatto sua una bellissima vittoria. Ma non è tutto, perché Oldrati ha anche ottenuto due fantastiche top ten della classifica Assoluta con l’ottava posizione del sabato, ma soprattutto la quinta della domenica. Un successo voluto, meritato, sognato, che apre le danze ad una stagione che si prospetta davvero emozionante.

    Nella classifica riservata agli stranieri, invece, Christophe Charlier ha costantemente lottato per il podio chiudendo entrambe le giornate di gara in quarta posizione e facendo sue anche la quinta e la sesta piazza dell’Assoluta.

    Carica di questi ottimi risultati e consapevole di poter dare il massimo anche nel Mondiale, la squadra si prepara ora per il GP di Germania, in programma il weekend del 23-24 marzo a Dahlen.

    Thomas Oldrati #22

    CRF 250RX Enduro

    È solo un mese che riesco ad allenarmi bene dopo un inverno un po’ particolare tra tendinite e lussazione alla spalla. Con la moto nuova c’è sempre un po’ di ansia, ma questa prima gara tricolore è andata veramente bene. Peccato per il cross test che è sempre un po’ il mio tallone d’Achille, ma nelle altre ero veloce e ho spinto forte. Sono molto contento della vittoria perché l’anno scorso non c’ero riuscito e anche del risultato nell’assoluta. Grazie a tutto il team e alle Fiamme Oro”.

    Matteo Boffelli

    Team Manager

    Siamo contenti di come siamo partiti. Thomas ha conquistato due straordinari podi e anche Christophe ha dimostrato di poter essere grandi protagonisti di questa stagione. C’è la velocità, la concentrazione, la guida. Siamo nelle prime posizioni anche dell’Assoluta e questo è molto importante. Abbiamo lavorato bene durante l’inverno e questo è il giusto frutto del nostro impegno”.

    Tullio Pellegrinelli

    Coordinatore tecnico

    Campionato tutto da scoprire con tante sfide! Charlier è andato forte e si è giocato il podio sia di classe che dell’assoluta: peccato per un paio di errori in entrambe le giornate di gara. Thomas è stato velocissimo: è andato forte nella linea e nell’estrema, portando a casa una bellissima vittoria. Siamo in forma per affrontare anche la sfida Mondiale”.

    Honda Racing RedMoto World Enduro Team

    Press Office

     


  • Una stagione che si prospetta ricca di emozioni.

    Sabato 2 e domenica 3 marzo ha ufficialmente preso il via la stagione 2019 dell’enduro tricolore con una due giorni tutta da incorniciare. Teatro della prova di apertura è stata la cittadina di Gioia dei Marsi (AQ), sugli Appennini del centro Italia, al confine tra l’Abruzzo e il Lazio.

    Arrivato a questa prova con i migliori presupposti e con la consapevolezza di poter essere tra i grandi protagonisti, Honda Racing RedMoto World Enduro Team ha vissuto due intense giornate di gara raccogliendo importanti risultati.

    Nella classe 250 4T straordinaria prova di Thomas Oldrati: dopo aver concluso la prima giornata di gara in seconda posizione ad un passo da Cavallo per qualche errore nel Cross test, domenica ha fatto sua una bellissima vittoria. Ma non è tutto, perché Oldrati ha anche ottenuto due fantastiche top ten della classifica Assoluta con l’ottava posizione del sabato, ma soprattutto la quinta della domenica. Un successo voluto, meritato, sognato, che apre le danze ad una stagione che si prospetta davvero emozionante.

    Nella classifica riservata agli stranieri, invece, Christophe Charlier ha costantemente lottato per il podio chiudendo entrambe le giornate di gara in quarta posizione e facendo sue anche la quinta e la sesta piazza dell’Assoluta.

    Carica di questi ottimi risultati e consapevole di poter dare il massimo anche nel Mondiale, la squadra si prepara ora per il GP di Germania, in programma il weekend del 23-24 marzo a Dahlen.

    Thomas Oldrati #22

    CRF 250RX Enduro

    È solo un mese che riesco ad allenarmi bene dopo un inverno un po’ particolare tra tendinite e lussazione alla spalla. Con la moto nuova c’è sempre un po’ di ansia, ma questa prima gara tricolore è andata veramente bene. Peccato per il cross test che è sempre un po’ il mio tallone d’Achille, ma nelle altre ero veloce e ho spinto forte. Sono molto contento della vittoria perché l’anno scorso non c’ero riuscito e anche del risultato nell’assoluta. Grazie a tutto il team e alle Fiamme Oro”.

    Matteo Boffelli

    Team Manager

    Siamo contenti di come siamo partiti. Thomas ha conquistato due straordinari podi e anche Christophe ha dimostrato di poter essere grandi protagonisti di questa stagione. C’è la velocità, la concentrazione, la guida. Siamo nelle prime posizioni anche dell’Assoluta e questo è molto importante. Abbiamo lavorato bene durante l’inverno e questo è il giusto frutto del nostro impegno”.

    Tullio Pellegrinelli

    Coordinatore tecnico

    Campionato tutto da scoprire con tante sfide! Charlier è andato forte e si è giocato il podio sia di classe che dell’assoluta: peccato per un paio di errori in entrambe le giornate di gara. Thomas è stato velocissimo: è andato forte nella linea e nell’estrema, portando a casa una bellissima vittoria. Siamo in forma per affrontare anche la sfida Mondiale”.

    Honda Racing RedMoto World Enduro Team

    Press Office

     


  • L' apertura degli Assoluti d'Italia 2019 è toccata al Motoclub Sirente. La gara ha preso il via da Gioia dei Marsi, piccola cittadina nell'entroterra Abruzzese. La conformazione del terreno, duro e pietroso, ed un giro di gara con poco asfalto, hanno reso la gara impegnativa. Undici prove cronometrate il sabato e nove la domenica hanno decretato i vincitori di questo primo appuntamento. Chi ha stupito più di tutti è sicuramente stato Philippaerts che, nel suo nuovo doppio ruolo di manager dei piloti del Team e pilota, ha portato a casa una doppietta nella classe E3 300cc. Una gara perfetta con pochi errori e molta determinazione.

    Deny: " Sono veramente contento!! Mi sono allenato meno del solito visto i vari impegni del Team, ma sono arrivato sereno e fiducioso di poter far bene e alla fine torno a casa con una doppietta!! Ora torno al mio nuovo ruolo in vista del Mondiale!! Ci vediamo alla prossima gara di Assoluti!! Grazie a tutti per il continuo supporto".

    Doppia vittoria anche per Matteo Pavoni al debutto con la piccola RR 125. Matteo ha corso una grande gara realizzando ottimo tempi che lo avrebbero visto vincente, la domenica, anche nella classe Junior.

    Matteo: "Un buon inizio anche se in vista del Mondiale bisogna ancora lavorare per essere veramente pronti. Sono contento della moto e del lavoro fatto insieme al Team. Ci vediamo in Germania per l'apertura Mondiale!!"

    Debutto positivo a metà per Macoritto. Sabato una caduta sul trasferimento gli ha fatto prendere 1 minuto di penalità al controllo orario che lo ha fatto retrocedere in classifica. Domenica dopo una partenza in salita ha chiuso con un buon terzo posto nella Junior.

    Lorenzo: "Week end difficile. Sabato sono caduto in trasferimento e ho preso un minuto di penalità che mi ha deconcentrato tutto il giorno. Domenica sono partito commettendo alcuni errori ma a fine giornata sono riuscito a recuperare fino al terzo posto. Ora tre settimane di lavoro in vista del debutto al Mondiale."

    "Buona la prima", possiamo dire per Marini che ha chiuso con due Top 10 nella junior il suo debutto nell'enduro.

    Thomas: " E' stata dura, ma sono contento di essermela cavata abbastanza bene anche nella prova estrema che era molto impegnativa".

    Week end non dei migliori per Freeman alle prese con i postumi di una forte influenza che non gli ha permesso di allenarsi nelle ultime tre settimane.

    Jarno: " Ufficialmente la stagione è ricominciata. Debutto positivo, anche se so che tutti possono fare meglio. Brad purtroppo è arrivato alla gara dopo tre settimane di stop. causa una forte influenza. Macoritto e Pavoni hanno pagato un pò l'agitazione del debutto. Marini penso che in vita sua non avesse mai visto tutti quei sassi ed è stato bravo. Però i miei complimenti questa volta vanno a Deny che ha portato a casa una grande doppietta. Diviso tra la gestione dei piloti ed i loro allenamenti ha dimostrato che chi non molla mai alla fine arriva!! Ora, tra tre settimane, ci aspetta il debutto del Mondiale dove faremo del nostro meglio per farci trovare pronti!!"

    Boano Racing Sport a.s.d

     


  • L' apertura degli Assoluti d'Italia 2019 è toccata al Motoclub Sirente. La gara ha preso il via da Gioia dei Marsi, piccola cittadina nell'entroterra Abruzzese. La conformazione del terreno, duro e pietroso, ed un giro di gara con poco asfalto, hanno reso la gara impegnativa. Undici prove cronometrate il sabato e nove la domenica hanno decretato i vincitori di questo primo appuntamento. Chi ha stupito più di tutti è sicuramente stato Philippaerts che, nel suo nuovo doppio ruolo di manager dei piloti del Team e pilota, ha portato a casa una doppietta nella classe E3 300cc. Una gara perfetta con pochi errori e molta determinazione.

    Deny: " Sono veramente contento!! Mi sono allenato meno del solito visto i vari impegni del Team, ma sono arrivato sereno e fiducioso di poter far bene e alla fine torno a casa con una doppietta!! Ora torno al mio nuovo ruolo in vista del Mondiale!! Ci vediamo alla prossima gara di Assoluti!! Grazie a tutti per il continuo supporto".

    Doppia vittoria anche per Matteo Pavoni al debutto con la piccola RR 125. Matteo ha corso una grande gara realizzando ottimo tempi che lo avrebbero visto vincente, la domenica, anche nella classe Junior.

    Matteo: "Un buon inizio anche se in vista del Mondiale bisogna ancora lavorare per essere veramente pronti. Sono contento della moto e del lavoro fatto insieme al Team. Ci vediamo in Germania per l'apertura Mondiale!!"

    Debutto positivo a metà per Macoritto. Sabato una caduta sul trasferimento gli ha fatto prendere 1 minuto di penalità al controllo orario che lo ha fatto retrocedere in classifica. Domenica dopo una partenza in salita ha chiuso con un buon terzo posto nella Junior.

    Lorenzo: "Week end difficile. Sabato sono caduto in trasferimento e ho preso un minuto di penalità che mi ha deconcentrato tutto il giorno. Domenica sono partito commettendo alcuni errori ma a fine giornata sono riuscito a recuperare fino al terzo posto. Ora tre settimane di lavoro in vista del debutto al Mondiale."

    "Buona la prima", possiamo dire per Marini che ha chiuso con due Top 10 nella junior il suo debutto nell'enduro.

    Thomas: " E' stata dura, ma sono contento di essermela cavata abbastanza bene anche nella prova estrema che era molto impegnativa".

    Week end non dei migliori per Freeman alle prese con i postumi di una forte influenza che non gli ha permesso di allenarsi nelle ultime tre settimane.

    Jarno: " Ufficialmente la stagione è ricominciata. Debutto positivo, anche se so che tutti possono fare meglio. Brad purtroppo è arrivato alla gara dopo tre settimane di stop. causa una forte influenza. Macoritto e Pavoni hanno pagato un pò l'agitazione del debutto. Marini penso che in vita sua non avesse mai visto tutti quei sassi ed è stato bravo. Però i miei complimenti questa volta vanno a Deny che ha portato a casa una grande doppietta. Diviso tra la gestione dei piloti ed i loro allenamenti ha dimostrato che chi non molla mai alla fine arriva!! Ora, tra tre settimane, ci aspetta il debutto del Mondiale dove faremo del nostro meglio per farci trovare pronti!!"

    Boano Racing Sport a.s.d

     


  • La prima prova dei Campionati Assoluti d’Italia Enduro, andata in scena a Gioia dei Marsi (AQ) nel weekend di sabato 2 e domenica 3 marzo, ha visto il Team JET-Zanardo ottenere ottimi risultati.

    Al suo ritorno alle gare in Italia dopo aver gareggiato il 2018 negli Stati Uniti vincendo il Campionato Worcs, Giacomo Redondi non ha solo concluso le due giornate di gara sempre in seconda posizione nella classe 450 4T, ma ha ottenuto due brillanti settimi posti anche nella classifica Assoluta. Campione del Mondo Junior nel 2016, Redondi al debutto con l’Husqvarna FE 450 dimostrando di aver già trovato un buon feeling di guida: sulle 19 prove speciali disputate ha registrato un miglior tempo assoluto e dieci volte la migliore prestazione della propria classe.

    Ricordiamo che il programma di gare 2019 di Redondi non prevede la partecipazione al Mondiale Enduro, ma solo agli Assoluti d’Italia e ad alcune prove del WESS (World Enduro Super Series).

    Gara positiva per il Campione del Mondo Youth in carica Ruy Barbosa al debutto con l’Husqvarna FE 350 con cui prenderà parte al Mondiale della classe Junior. Il giovane cileno ha portato a termine una gara regolare con la sola “sbavatura” di un addetto dell’organizzazione al Controllo Orario senza assistenza che sabato gli ha causato una penalizzazione. Buon weekend anche per l’inglese Joe Wootton alla sua prima gara con l’Husqvarna FE 350 con cui disputerà il Mondiale della classe E2 dopo il terzo gradino del podio della Junior conquistato lo scorso anno.

    Prossimo appuntamento agonistico è il GP di Germania, in programma a Dahlen il 22-23-24 marzo.

    GIACOMO REDONDI

    È stata una gara molto bella, sicuramente più per i fan che per noi piloti, perché difficile con speciali tecniche e un terreno duro di pietre. Sono stato veloce e competitivo sia nella mia classe, come pure nella lotta per l’Assoluta. Abbiamo lavorato molto bene durante tutto il weekend, effettuando dei set up che mi hanno consentito di registrare degli ottimi tempi nelle varie speciali. Ho faticato un po’ nell’Extreme, mentre nel Cross sono stato il più veloce vincendo tutte le prove della domenica. Siamo solo all’inizio e c’è molto da fare, ma ho le giuste motivazioni per una stagione da protagonista”.

    RUY BARBOSA

    Non è stato facile per me guidare su queste speciali con fondo sconnesso e pietre: devo trovare ancora il giusto affiatamento con la moto. Ho faticato un po’ nell’Extreme, che era molto tecnica e poco veloce, mentre sono andato meglio nelle altre prove Ora ritorniamo a casa per proseguire un intenso programma di lavoro per arrivare al Mondiale da protagonisti”.

    JOE WOOTTON

    Sono soddisfatto di come si è concluso il weekend nonostante la mia gara sia stata un pò particolare in quanto abbiamo colto l’occasione per testare alcune soluzioni tecniche. All’inizio non siamo partiti molto bene, ma piano piano abbiamo trovato le giuste regolazioni che hanno migliorato notevolmente il mio feeling di guida. Continueremo a lavorare per presentarci al meglio al Mondiale”.

    FRANCO MAYR

    Complessivamente siamo soddisfatti dei risultati ottenuti. Barbosa quest’anno ha cambiato moto: dopo 3 anni con la 125 adesso sta guidando una Husqvarna FE 350. Non ha ancora preso il feeling necessario, ma è stato veloce e non ha commesso grossi errori. Redondi è tornato dagli Stati Uniti solo a metà febbraio: è arrivato molto vicino ai suoi diretti avversari nonostante la poca preparazione a questo tipo di gare. Con Wootton abbiamo sfruttato questa gara per eseguire diversi test. Per concludere sono stato contento della partecipazione di David Knight, che ha voluto provare una delle nostre moto. Ci ha dato spunti importanti. Adesso ci prepariamo per il Mondiale pronti a dare il 100%”.

     

    © Jolly Enduro Team

    Press Office


  • La prima prova dei Campionati Assoluti d’Italia Enduro, andata in scena a Gioia dei Marsi (AQ) nel weekend di sabato 2 e domenica 3 marzo, ha visto il Team JET-Zanardo ottenere ottimi risultati.

    Al suo ritorno alle gare in Italia dopo aver gareggiato il 2018 negli Stati Uniti vincendo il Campionato Worcs, Giacomo Redondi non ha solo concluso le due giornate di gara sempre in seconda posizione nella classe 450 4T, ma ha ottenuto due brillanti settimi posti anche nella classifica Assoluta. Campione del Mondo Junior nel 2016, Redondi al debutto con l’Husqvarna FE 450 dimostrando di aver già trovato un buon feeling di guida: sulle 19 prove speciali disputate ha registrato un miglior tempo assoluto e dieci volte la migliore prestazione della propria classe.

    Ricordiamo che il programma di gare 2019 di Redondi non prevede la partecipazione al Mondiale Enduro, ma solo agli Assoluti d’Italia e ad alcune prove del WESS (World Enduro Super Series).

    Gara positiva per il Campione del Mondo Youth in carica Ruy Barbosa al debutto con l’Husqvarna FE 350 con cui prenderà parte al Mondiale della classe Junior. Il giovane cileno ha portato a termine una gara regolare con la sola “sbavatura” di un addetto dell’organizzazione al Controllo Orario senza assistenza che sabato gli ha causato una penalizzazione. Buon weekend anche per l’inglese Joe Wootton alla sua prima gara con l’Husqvarna FE 350 con cui disputerà il Mondiale della classe E2 dopo il terzo gradino del podio della Junior conquistato lo scorso anno.

    Prossimo appuntamento agonistico è il GP di Germania, in programma a Dahlen il 22-23-24 marzo.

    GIACOMO REDONDI

    È stata una gara molto bella, sicuramente più per i fan che per noi piloti, perché difficile con speciali tecniche e un terreno duro di pietre. Sono stato veloce e competitivo sia nella mia classe, come pure nella lotta per l’Assoluta. Abbiamo lavorato molto bene durante tutto il weekend, effettuando dei set up che mi hanno consentito di registrare degli ottimi tempi nelle varie speciali. Ho faticato un po’ nell’Extreme, mentre nel Cross sono stato il più veloce vincendo tutte le prove della domenica. Siamo solo all’inizio e c’è molto da fare, ma ho le giuste motivazioni per una stagione da protagonista”.

    RUY BARBOSA

    Non è stato facile per me guidare su queste speciali con fondo sconnesso e pietre: devo trovare ancora il giusto affiatamento con la moto. Ho faticato un po’ nell’Extreme, che era molto tecnica e poco veloce, mentre sono andato meglio nelle altre prove Ora ritorniamo a casa per proseguire un intenso programma di lavoro per arrivare al Mondiale da protagonisti”.

    JOE WOOTTON

    Sono soddisfatto di come si è concluso il weekend nonostante la mia gara sia stata un pò particolare in quanto abbiamo colto l’occasione per testare alcune soluzioni tecniche. All’inizio non siamo partiti molto bene, ma piano piano abbiamo trovato le giuste regolazioni che hanno migliorato notevolmente il mio feeling di guida. Continueremo a lavorare per presentarci al meglio al Mondiale”.

    FRANCO MAYR

    Complessivamente siamo soddisfatti dei risultati ottenuti. Barbosa quest’anno ha cambiato moto: dopo 3 anni con la 125 adesso sta guidando una Husqvarna FE 350. Non ha ancora preso il feeling necessario, ma è stato veloce e non ha commesso grossi errori. Redondi è tornato dagli Stati Uniti solo a metà febbraio: è arrivato molto vicino ai suoi diretti avversari nonostante la poca preparazione a questo tipo di gare. Con Wootton abbiamo sfruttato questa gara per eseguire diversi test. Per concludere sono stato contento della partecipazione di David Knight, che ha voluto provare una delle nostre moto. Ci ha dato spunti importanti. Adesso ci prepariamo per il Mondiale pronti a dare il 100%”.