I piloti del team Rockstar Energy Husqvarna Factory Racing Team, Pablo Quintanilla e Pela Renet, sono pronti ad affrontare l’edizione numero 39 del Dakar Rally – la più iconica gara di rally raid al mondo – che partirà ad Asunción, in Paraguay, il prossimo 2 gennaio.

Insieme all’esperto ex pilota Ruben Faria, ora divenuto consulente del team, Quintanilla e Renet stanno per prendere parte a quella che si annuncia come una delle più dure edizioni della Dakar da molti anni a questa parte. Non solo dovranno prepararsi a due settimane di gara sulle loro Husqvarna FR 450, ma anche sostenere la permanenza in quota per quasi una settimana, mentre affrontano il variegato e impegnativo terreno sudamericano.

Quintanilla si presenta a questa Dakar con il titolo di campione del mondo FIM Cross Country Rallies recentemente conquistato. Terzo nell’edizione 2016 della Dakar, con la conquista del titolo mondiale grazie a una dura lotta ha dimostrato di poter essere uno dei piloti di punta della prossima Dakar. Veloce, esperto e al culmine della preparazione e della fiducia nei suoi mezzi, Quintanilla punta al terzo podio consecutivo, naturalmente sperando di migliorare ulteriormente il suo terzo posto finale del 2016.

Pronto ad affrontare la sua seconda Dakar anche il pilota francese Pela Renet, che sarà di nuovo il compagno di squadra di Quintanilla. Passato ai rally a fine 2015, l’ex campione del mondo di Enduro ha mostrato una rapidissima curva di apprendimento. Nonostante la brutta caduta patita nella Dakar 2016, Renet ha continuato a lavorare sul suo obiettivo di adattarsi alle nuove sfide presentate dalle gare di rally, e arriva alla Dakar 2017 determinato ad accumulare ulteriore esperienza e raggiungere il traguardo finale.

Il team Rockstar Energy Husqvarna Factory Racing si presenta alla Dakar 2017 con un’altra importante risorsa, l’ex pilota Ruben Faria. Dopo essersi ritirato dall’attività agonistica, il portoghese assisterà i due piloti Husqvarna con il suo supporto e preziosi consigli tattici. Faria ha preso parte a tutte le Dakar fin dal 2006, e sarà a disposizione di Quintanilla e Renet per aiutarli ad affrontare la edizione numero 39 della corsa.

Pablo Quintanilla: “Alla Dakar ci sono numerosi fattori che non puoi controllare, per cui fare previsioni prima della gara non è mai una buona cosa. Mi sono preparato al meglio, non ho problemi fisici, ho corso una stagione fantastica nel campionato del mondo e ho a supportarmi una moto e un team straordinari. Ho tutto quello che serve per far bene. Dopo la vittoria nel campionato mondiale su di me c’è un po’ di pressione in più per un buon risultato, ma non ci faccio troppo caso. La gara di quest’anno sarà difficile, con molti piloti veloci e desiderosi di far bene. Sono sicuro che quest’anno vedremo quello che Marc Coma ritiene un rally degno di questo nome. Sono fiducioso delle mie capacità di navigazione nel deserto, e anche sui sentieri di montagna, per cui non vedo l’ora che la sfida abbia inizio. È sempre difficile avere un piano ben preciso per la Dakar, devi lasciare che sia lei a fare il suo corso. Naturalmente i miei obiettivi sono ogni anno più difficili da raggiungere: dopo che sei salito sul podio, per un pilota il passo logico successivo è uno solo. La Dakar è una corsa speciale, un’esperienza incredibile, e insieme con il mio team faremo del nostro meglio per portare a casa il miglior risultato possibile.”

Pela Renet: “Il mio obiettivo quest’anno è di arrivare in fondo. Sappiamo tutti che la Dakar 2017 sarà molto impegnativa, una delle più difficili degli ultimi anni. Ma non vedo l’ora di affrontarla. Dall’ultima Dakar ho lavorato molto sulla navigazione, preparandomi in Spagna, Portogallo e Marocco. Oltre alla navigazione saranno molto importanti anche la guida ad alta quota e i forti sbalzi termici durante la gara. La sfida che attende tutti i piloti sarà davvero speciale, davvero difficile. Ma io posso contare su un supporto incredibile da parte del mio team, e ho un sacco di esperienza in più in questa mia seconda Dakar. Sono veramente impaziente di arrivare al giorno della partenza.”

Dakar Rally 2017

La corsa off-road più dura del mondo si aprirà il 2 gennaio 2017, quando i 146 piloti della categoria moto partiranno da Asunción accogliendo il Paraguay come 29° Paese ospite all’interno del progetto Dakar. Le dodici tappe, che porteranno i piloti in Bolivia e Argentina, prevedono nuove, micidiali sfide che includono quasi un’intera settimana ad alta quota – sei tappe sopra i 3.000 metri nella prima parte di gara – e quelle che stando agli organizzatori costituiranno difficoltà inedite in termini di navigazione.

Quintanilla e Renet incontreranno inoltre le condizioni climatiche più disparate, da temperature prossime allo zero agli arroventati 50°C del deserto, e territori altrettanto diversi e impegnativi: dune, praterie, guadi di fiumi, distese rocciose e la temibile estensione delle Ande. Le dodici tappe coprono quasi 9.000 km, di cui oltre 4.000 di prove speciali. Ci sarà una tappa “marathon” in cui i piloti dovranno cavarsela da soli senza ricevere assistenza tecnica dai meccanici né dal team durante il bivacco notturno. Le dodici giornate di gara saranno intervallate da un solo giorno di riposo, a La Paz, prima che il rally si concluda il 14 gennaio a Buenos Aires.

Husqvarna Motorcycles GmbH

 

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Ultime Notizie

Ultimi Articoli Gare