Ducati Multistrada 950 pregi difetti problemi pareri

La Ducati Multistrada 950 ha un notevole successo di vendite e di estimatori, vediamo i suoi difetti ed i pregi, i problemi riscontrati dai suoi possessori ed i loro pareri.

La moto è giudicata costosa da tutti, soprattutto se si adottano i cerchi a raggi. C’è tanta tecnologia, è vero, ma tutti sono consci del fatto che in parte si paga anche il nome del marchio.

La qualità generale è considerata ottima, soprattutto a livello di componentistica, qualità della vernice ed assemblaggio.

Questo però non mette al riparo dagli inconvenienti. In diversi hanno lamentato trafilaggi d’olio dal tubo di sfiato del carter, altri dal tappo di immissione dell’olio motore ed altri ancora dall’uscita del pistoncino della frizione.

Più raro il caso di perdita d’olio dalla puleggia centrale della distribuzione.

Più rari e sporadici i casi di perdita d’olio dalla forcella.

La complessa gestione elettronica della moto ha dato qualche problema a più di una persona, con codici di errore dovuti a connettori non ben fissati. Inconvenienti che sono stati risolti, ma che, ovviamente, hanno fermato la moto in officina per qualche giorno.

Altri si sono lamentati del costo eccessivo della manutenzione ordinaria, soprattutto chi fa molti km in un anno, ma c’è da dire che i costi standard di Ducati sono pubblici e noti a tutti.

Alcune lamentele sono poi arrivate per la presenza di calore eccessivo proveniente dal cilindro verticale ed un tasso di vibrazioni, soprattutto al manubrio, considerato da alcuni fastidioso.

Ottime, come prevedibile, le prestazioni, se pure in diversi avrebbero preferito un comportamento meno scorbutico del motore e più regolare ai bassi regimi.

Nel complesso, comunque, ben pochi sono insoddisfatti della moto e quasi tutti sono pronti a riacquistarla; in molti ambiscono però al Multistrada 1260 …

Se vuoi condividere i tuoi inconvenienti ed i tuoi pareri sulla tua moto con i lettori scrivi a: info (at) crazywheels.it

 

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Twitter